Le migliori aziende dove lavorare in Italia

Per chi cerca lavoro o vuole cambiarlo, è basilare conoscere la “reputazione lavorativa” dell’azienda a cui si propone la propria candidatura. Partendo dal presupposto che non esistono  criteri universali  per  giudicare se un’azienda rappresenta ” un buon posto di lavoro”, è anche vero che ci sono ingredienti che tipicamente fanno la differenza:

  • il livello salariale e i benefit aziendali proposti (come dicevano i latini, pecunia non olet…)
  • le opportunità di carriera
  • le opportunità di crescita professionale
  • il percorso formativo
  • l’equilibrio tra vita e lavoro che viene proposto
  • l’ambiente di lavoro
  • l’etica e la  professionalità che contraddistingue l’azienda
  • ecc…

Il peso di tali ingredienti è sicuramente soggettivo, in quanto dipende dalle nostre  competenze , dal nostro carattere, dalla nostra propensione al rischio,ecc… Tuttavia dopo aver identificato il mix degli ingredienti che servono per giudicare un posto di lavoro , viene il passaggio più critico.Occorre ottenere, da fonti attendibili,la loro misurazione, quasi come se fosse un rating  delle aziende a cui ci candidiamo. Come spesso capita nel sistema economico attuale, assistiamo a una forte asimmetria informativa dove da un lato c’è il datore di lavoro che sa tutto del candidato e dall’altro il candidato stesso che ha poche informazioni sull’azienda a cui si è proposto.

Ma quali possono essere i rimedi per ottenere maggiore trasparenza e conoscere meglio l’azienda a cui si propone la propria candidatura?

Conoscere il giudizio di   qualcuno  che lavora nelle aziende a cui ci candidiamo, può essere una buona soluzione ma spesso è poco praticabile.

Affidarsi alle recensioni della stampa può rilevarsi un  buon supporto. Anche in Italia, mutuando quello che fa Fortune con la sua famosa classifica delle migliori aziende dove lavorare  (clicca qui per la classifica USA 2013), esistono riviste e siti che stilano queste classifiche. Da segnalare tra questi Great Place to Work® Italia, che a partire dal 2012  ha redatto due classifiche distinte :

Un ulteriore strumento a  disposizione è quello di affidarsi ai pareri della blogosfera. In Italia una delle iniziative più interessanti in questo senso è stato il portale www.sopo.it, contraddistinto dal condivisibile motto: la vita è troppo  breve per il lavoro sbagliato.

Il meccanismo è in perfetto stile web 2.0: gli utenti che si vogliono registrare  valutano secondo determinati criteri le aziende italiane che hanno incontrato nella loro vita lavorativa. E’ inoltre possibile aggiungere per ciascuna una recensione. Per i semplici visitatori del sito, è così a disposizione un situazione continuamente aggiornata dove è possibile :

Per ora le aziende censite sono quasi un migliaio, un buon punto di partenza che può essere molto utile a coloro che non solo cercano un lavoro, ma cercano il lavoro giusto.

Per chi vuole confrontarsi su questi temi, è possibile iscriversi al gruppo  linkedin ” Lavoro & Carriere “:

Lavoro&carriere

One thought on “Le migliori aziende dove lavorare in Italia

  1. Pingback: I numeri del 2013 di Business Network 2.0 | Business Network 2.0

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...